Opinioni

OPINIONI

Cos'è Dadaab

Il governo del Kenya ha tutte le ragioni per chiudere i campi per motivi di sicurezza

18-07-2014 di Giorgio Ferro

Dadaab, un luogo famoso come Hollywood visitato da dignitari da tutto il mondo.
La regione da asilo ad un milione di rifugiati la gran maggioranza dalla vicina Somalia. Daadab, il campo profughi, a circa 100 km dal confine, ha fatto notizia su quasi tutti i giornali internazionali, come il piu grande del mondo che ospita 500,000 rifugiati.
La maggioranza sono arrivati a causa della guerra civile nella Somalia del sud, e comprendono oltre che i nativi di etnia somala anche un buon numero di etnia Bantu.
Al momento è in vigore un accordo, firmato dalle Nazioni Unite, la Somalia e il Kenya per il rimpatrio dei rifugiati e la chiusura del campo per motivi di sicurezza che gravano specialmente sul Kenya.
L’accordo e criticato dalle organizzazioni dei “diritti umani” in quanto la Somalia e ancora altamente instabile. Il governo di Hassam Sheikh Mahamud, firmatario dell’accordo, da gia segni di rivalità interne e corruzione, che minacciano di farlo fallire dopo appena un anno dalla formazione.
Il campo comprende tre sezioni, Ifo, Agadera e Dagaheley che coprono circa 50 km quadrati, ed e’ stato finora amministrato dalla CARE (Organizzazione Umanitaria Internazionale) e finanziato dall’ONU. 
La deforestazione, causata dai rifugiati, in cerca di legname, sta causando problemi agli abitanti “normali” di Daadab. I rifugiati non sono autorizzati ad uscire dal campo in cerca d’acqua e legna, generalmente il lavoro delle donne che corrono il pericolo d’abusi sessuali. La zona e anche soggetta a disastri ambientali come alluvioni e siccità.
Il governo del Kenya ha tutte le ragioni per chiudere i campi per motivi di sicurezza.
E’ opinione comune che i terroristi Al – Shabaab usano il campo per preparare azioni contro il Kenya, o per nascondersi se ricercati.
Invece l’ambiente commerciale del Kenya, nel quale i politici hanno interesse, è decisamente opposto alla chiusura dei campi. Diecine d’imprese di trasporti keniani, pagati dall’ ONU, forniscono gli automezzi necessari per il trasporto di tutto quello che e’ necessario per mantenere in buona salute 500.000 persone e cosi pure i commercianti di generi commestibili, medicine, altri materiali di uso domestico come tende, coperte cucine ecc.
Intanto a Daadab, i terroristi continuano ad operare. Il mese scorso un gruppo di volontari di un ente di soccorso, evitava per poco la morte dopo che una mina scoppiava sotto il convoglio sul quale viaggiavano.

TAGS: Giorgio Ferro KenyaDadaab KenyaProfughi Kenya

Africa è nel cielo, nella terra e nella gente.
La gente d'africa si muove lenta ma ti smuove il cuore, ti scuote l'animo.
Comunque tu sia, ferro o argilla, l'africa ti plasma.
 

LEGGI QUI

E' finalmente operativo il Ponte di ferro che collega il Parco Nazionale dello Tsavo Est con la parte nord della fetta di savana più estesa del Kenya.
Un collegamento che non solo fino ad ora non era possibile, ma che...

LEGGI TUTTO

Una serata musicale di altissimo livello, quella che è stata organizzata dal Come Back Club di Watamu per il prossimo martedì 9 gennaio.
Al polistrumentista Marco "Sbringo" Bigi, conosciutissimo a Malindi e Watamu per le sue serate da "one man band" (soprattutto al piano...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dopo un anno di "purgatorio" per notizie assolutamente inventate come il virus ebola, o indebitamente gonfiate come il terrorismo, che nella Contea di Kilifi non ha mai fatto un graffio a nessuno, oltre al turismo africano e a una timida...

LEGGI TUTTO

Dopo quella donata alcuni mesi fa all'ospedale di Gede, altre due motoambulanze donate dalla NGO italiana Karibuni, grazie al contributo importante di associazioni italiane e privati, per aiutare le strutture sanitarie della costa del Kenya. 
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

"In Kenya è pieno di stranieri che si sposano solamente per ottenere visti permanenti per stare in Kenya e condurre le proprie attività, specialmente in maniera illegale. Questa cattiva abitudine deve finire".
Il Ministro "di Ferro" degli Interni Fred Matiang'i...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Finalmente anche il Governo della Contea di Kilifi ha alzato la voce sulla questione dell'aeroporto internazionale di Malindi.
Per molti anni tra...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Tra gli italiani di Malindi c'è chi non si limita a costruire, ma si adopera per migliorare la condizione della popolazione locale.
E' il caso di Giulio Giro, milanese di 66 anni, di cui 25 spesi in Kenya dove è...

LEGGI TUTTO

Uno studio dell'Università di Los Angeles conferma anni di studi e secoli di dicerie e leggende locali: il pesce crudo dell'oceano indiano (sailfish, red snapper, dorado, kolekole) fa bene soprattutto alle persone in età avanzata, più di altri tipi di pesce...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Ha iniziato acquistando una villa, poi l'ha trasformata in un Luxury Bed & Breakfast (Nyumba Ya Mbuyu) e ora è diventata anche la "scusa" per andare e venire da Malindi. Dopo 30 anni d'Africa, Gianni Maitan, imprenditore veneto e mago...

LEGGI TUTTO

I primi utensili lavorati per diversi utilizzi sono stati ritrovati nelle grotte di Panga Ya Saidi, nell'entroterra di Kilifi.
La ricerca è stata...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Ti chiedono sapone e sigarette, come nei film. 
Chi conosce le carceri di Mtangani, sa bene che non c’è lungometraggio che possa raccontarle, senza lasciarti un senso di spaesamento e nausea. 
Senza rabbia, senza indignazione. 
Impotente schifo e basta.

LEGGI TUTTO E GUARDA LA GALLERY FOTOGRAFICA

La voce dei residenti e dei proprietari di case di due zone residenziali di Malindi, sfocia sui quotidiani nazionali e sulle televisioni, secondo un sistema che ultimamente sta dando i suoi frutti, come li può dare anche unirsi per una...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Potete trovarla nei mercati locali, o vederla piegare i rami della pianta su cui matura, l'Annona muricata.
Potrà sembrarvi ostica con i suoi aculei ed enorme (un singolo frutto può raggiungere...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Devo ammettere che mi riconosco sempre più nella canzone di Giorgio Gaber "Io non mi sento italiano", soprattutto quando dice "...ma per fortuna o purtroppo lo sono". All'estero e in un Paese "al di sopra di ogni sospetto" come il...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

Il frutto della passione (passion fruit in inglese) viene chiamato anche Maracuja ed è il frutto della Passiflora Edulis, pianta tropicale rampicante che appartiene alla famiglia delle Passifloraceae.
Si potrebbe pensare che il suo nome evochi proprietà afrodisiache, in realtà...

LEGGI TUTTO