Editoriali

EDITORIALE

Malindi International Airport, Tribunale di Milano

Tra la grande speranza di Malindi e Watamu e le uniche certezze dell'Italia

24-04-2015 di Freddie del Curatolo

Abbiamo ancora negli occhi quegli studenti esanimi a terra sul pavimento delle aule che assistevano alla loro crescita intellettuale e probabilmente morale. 
Ma noi che guardiamo al mondo d'oggi e alla spirale di follia che fa perdere di vista a chiunque i valori fondamentali dell'esistenza (non dico il senso, ma almeno assiomi trasversali e interreligiosi come rispetto, libertà, non violenza), abbiamo anche l'immagine di un imprenditore corrotto e intrallazzone come ce ne sono tanti in Italia, che uccide un magistrato, un avvocato e il suo socio nel Tribunale della Milano dell'Expo e degli apericena, e scappa indisturbato, dopo essere entrato armato nel Palazzo di Giustizia.
Probabilmente (ho pensato dopo aver superato il raccapriccio, il pensiero alla famiglia dell'avvocato trentasettenne e il dispiacere per la vita di un magistrato del calibro di Ferdinando Ciampi) perquisicono meglio i sorridenti e giuggioloni "askari" del supermercato Nakumatt di Malindi, con i loro metal detector che sembrano giocattoli ma alla fine mi beccano sempre la chiave con l'antifurto dell'automobile. 
Poi leggo che a Londra una guardia giurata si è difesa dall'accusa di non aver fatto nulla per evitare la rapina da 270 mila euro in un caveau, dicendo che la sua paga è troppo bassa per rischiare la vita.
Pensate allora alla polizia keniota, le forze speciali "Recce", accusate di essere arrivate a Garissa sette ore dopo la segnalazione, che guadagnano 200 euro al mese e sembra non abbiano preso nemmeno gli straordinari, dopo aver rischiato la vita per far fuori i terroristi che imperversavano nel college.
Tutti questi pensieri inopportuni, queste immagini ingloriose e queste dichiarazioni inevitabili. Con questo ronzio in testa bisogna andare avanti e innaffiare il nostro bel giardinetto fiorito, stando attenti che nessuno ci calpesti le margherite, mentre altrove non crescono fiori ma solo spine e funghi velenosi.
Malindi e Watamu. Il nostro orticello, la nostra casa e il lavoro che ci da da vivere, da mangiare e da aiutare questa gente che ci lascia essere ospiti. 
Ecco allora che, elaborati i lutti, si torna a considerare il futuro prossimo della destinazione turistica, quel mondo edulcorato, esotico e ricco di suggestioni che da oltre vent'anni offre ristoro e motivi a un'intera variopinta comunità: italiani, britannici, pochi tedeschi e svizzeri, tanti indiani, arabi, keniani d'ogni derivazione etnica. Oggi anche cinesi, sudafricani e qualche neofita dall'Est europeo. 
In questi ultimi giorni, spinti da comprensibili timori, amplificati dai nostri media, molti turisti che avevano prenotato per agosto, hanno già cancellato la loro preferenza. 
"Meglio farlo subito, che non c'è ancora la penale da pagare. Il Kenya ormai è un Paese a rischio" mi ha scritto un lettore. 
Come dargli torto? 
Il fatto che a Malindi e Watamu non sia mai successo nulla di collegabile alla battaglia tra Al Shabaab e Kenya, non è un'assicurazione sufficiente. Con tutti i bei luoghi del mondo da visitare.
Ma l'Africa è unica e Malindi e Watamu rimangono ancora, data la virata verso la disumanità che sta prendendo l'umanità, tra i luoghi più tranquilli del globo, dove si possa respirare aria di libertà.
A questo punto sembra inevitabile pensare che la priorità assoluta per richiamare gli impauriti e gli indecisi che verrebbero molto volentieri da queste parti, sia farli atterrare direttamente qui, senza costringerli al traffico di Mombasa, ai posti di blocco (sacrosanti e davvero importanti per la sicurezza della Contea di Kilifi) sulla strada che porta a Malindi e alla stessa strada che da anni dovrebbe essere allargata e che invece diventa sempre più pericolosa. 
Solo così si può indirizzare verso un migliomento anche la sicurezza, studiando l'afflusso e garantendo controlli nelle poche strade d'accesso (la salvezza di Malindi è data dal fatto che da nord devi passare per forza dal ponte sul fiume Sabaki, non ci sono altre strade, e da sud ovest solo dalla Mombasa-Malindi o dalla strada per lo Tsavo. Sono tre vie d'accesso non difficili da presidiare. 
Non solo, si potrebbe materializzare l'investimento da parte di nuovi tour operator mondiali che non hanno mai preso in considerazione la destinazione, perché gli hotel sono troppo distanti dallo scalo aeroportuale. Sono in tanti alla finestra, ad attendere questo evento. In sette ore, direttamente da Milano e Roma, ma anche in otto da Istanbul, e con Turkish dalla Russia, dalla Repubblica Ceca eccetera.
L'associazione turistica MWTA ha già segnalato l'aeroporto internazionale come priorità assoluta e in questi giorni è tornata a spingere verso le istituzioni, regionale e nazionale, sull'argomento.
Non sembrano esserci frenate né veti, ma bisogna risolvere le solite annose, diremmo ancestrali questioni "africane". Dispute politiche, conflitti d'interesse, precedenze e timori di perdere voti con manovre impopolari rischiano di vanificare gli ennesimi sforzi di chi è per il fare e per il "provarci" e non sta seduto solo sul fiume di deiezioni autoprodotte a criticare. Ma non c'è molto tempo, gli stanziamenti per l'allungamento della pista per fare atterrare i Boeing ci sono, ma devono essere utilizzati entro la fine di quest'anno, altrimenti potrebbero essere deviati su altri quattro progetti aeroportuali.
Urge far capire ad alcuni che l'aeroporto internazionale porterà benessere a tutti ed è l'unico sistema rimasto per scongiurare la morte del turismo e di conseguenza la perdita di lavoro e di quel po' di miglioramento apportato dal turismo nei locali in questi anni, a volte sembra più difficile che convincere i turisti che la costa del Kenya è sempre un gran bel paradiso, ed è più sicuro e sorvegliato di un tribunale del nord Italia. 

TAGS: Aeroporto MalindiMalindi internazionale

Aeroporto Internazionale di Malindi: un manager scandinavo si occuperà di far rispettare i tempi di esecuzione del progetto.
Il norvegese Jonny Andersen è stato nominato direttore generale della Kenya Airport Authority (KAA), tre mesi dopo il siluramento dell’ex manager Lucy...

LEGGI TUTTA LA NOTIZIA

Ulteriori buone notizie per quanto riguarda la prospettata apertura dell'aeroporto internazionale di Malindi. Ieri il quotidiano nazionale keniano Daily Nation ha pubblicato un approfondimento sulle fasi del progetto che porteranno al completamento dei lavori per rendere lo scalo funzionante per...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Con un meeting tra il Ministro delle risorse minerarie e parlamentare malindino Dan Kazungu e il direttore dell'aeroporto di Malindi Walter Agong, è ufficialmente iniziata ieri la "fase due" dell'adeguamento dello...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Apre i battenti a Nairobi il primo hotel all'interno dell'aeroporto internazionale Jomo Kenyatta. 
Si tratta del Lazizi Hotel, di proprietà di una compagnia indiana e gestito dalla catena Sarovar.
L'hotel ha 144 camere ed è pronto ad ospitare, oltre agli...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Sottosegretario ai Trasporti Irungu Nyakera era ieri all'Aeroporto di Malindi, per incontrare i comitati dei residenti della zona in cui dovranno essere rimosse abitazioni e attività, per far posto alla nuova pista dello scalo internazionale.

LEGGI TUTTO

"E'una notizia molto positiva quella che riguarda l'adeguamento dell'aeroporto di Malindi ai voli lungo raggio e che conferma il lavoro svolto in questi anni dal governo per avere uno scalo nel posto in Kenya tra i piu graditi agli italiani.
Sono...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

“Bisogna risolvere la questione al più presto, l’industria turistica di Malindi e dintorni vuole i voli diretti dall’Europa”.
La voce alta questa volta arriva da Nairobi, a parlare è l’Amministratore Delegato della massima autorità aeroportuale internazionale (KAA), Yatich Kangugo.
In...

LEGGI TUTTO

I residenti di Ganda e di Kwachocha, i sobborghi interessati dallo sgombero degli abusivi per allargale e allungare la pista dell'aeroporto internazionale di Malindi, ne sono certi, tutto si sta preparando per iniziare a far piazza pulita di chi, anni...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il forum di Nairobi organizzato dal Ministro del Turismo Najib Balala a Nairobi nei giorni scorsi lo ha ribadito: Malindi avrà il suo aeroporto internazionale.
Le cause dei privati saranno risolte presto e si procederà, perché il progetto Malindi fa...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un aiuto concreto dalla Gran Bretagna per terminare al più presto la nuova strada che dall'aeroporto internazionale Moi di Mombasa porterà in città, bypassando il centro. I lavori di questa importantissima tangenziale che decongestionerà il traffico della seconda città del...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dal Ministero dei Trasporti il via libero per l'acquisto di altri 22,4 ettari di terreno per garantire l'espansione dell'aeroporto internazionale di Malindi.
 

LEGGI TUTTO

Dal prossimo agosto, una volta atterrati a Mombasa, raggiungere Malindi e Watamu diventerà più comodo e veloce.
Il Governo ha confermato recentemente che il primo anello di tangenziale che collega l'aeroporto internazionale Moi alla Mombasa-Malindi senza passare per il centro...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Qualcosa di serio sembra muoversi nel lento ma speriamo inesorabile cammino verso il nuovo aeroporto internazionale di Malindi e l'allungamento della pista per ospitare voli provenienti dall'estero.
 

LEGGI TUTTO

Trapelano i particolari del progetto definitivo dell'Aeroporto Internazionale di Malindi, all'indomani degli incontri decisivi e degli accordi finali grazie ai quali, secondo le intenzioni del Governo, dovrebbe essere consegnato alla cittadinanza il nuovo scalo completo entro i primi mesi del...

LEGGI TUTTO

Il Presidente del Kenya Uhuru Kenyatta torna sulla costa per un tour che comprenderà anche Malindi.
La prossima settimana Kenyatta ha in programma anche una riunione all'aeroporto internazionale, per constatare di persona lo stato di avanzamento dei lavori per l'allargamento...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

"L'aeroporto internazionale di Malindi si deve fare, e i lavori inizieranno sicuramente il prossimo anno".
L'importante dichiarazione questa volta non arriva né da un politicante locale, né dagli aruspici del turismo.
E' stato il Vice Presidente Ruto ad affermarlo, durante...

LEGGI TUTTO