Ultime notizie

SOCIETA'

Prostituzione in Kenya: uno dei paradossi del Paese in crescita

"La professione è libera e legale, ma i lavoratori del sesso non sono tutelati"

19-04-2018 di redazione

Il Kenya da sempre convive con la liberalizzazione del "mestiere più antico del mondo".
La prostituzione sia maschile che femminile non solo è consentita, ma fa parte del costume della popolazione locale, tanto è vero che i primi "consumatori" di tale servizio sono proprio i keniani e che nei locali pubblici il mercimonio del proprio corpo è una delle attrazioni e delle possibilità, al pari della somministrazione di alcolici o della musica dal vivo.
Da una parte questo costituisce un paradosso in una Nazione che da sempre si professa profondamente conservatrice, a livello religioso: sia nella sua parte cristiana (che costituisce la maggioranza, tra cattolici e protestanti), sia nella minoranza islamica, ben rappresentata sulla costa, dove il turismo porta anche tanti stranieri ad approfittare dell'opportunità.
Basti pensare al tabù dell'omosessualità, che a fatica le nuove generazioni stanno cercando di sdoganare.
Dall'altro lato per molti anni il fenomeno ha evitato il proliferare di mafie e traffici illeciti legati alla prostituzione, come avviene ad esempio in Europa.
Se è vero che alla base del "sex-business" ci sono condizioni di miseria, violenze in famiglia e prospettive di guadagni facili che altrimenti non sarebbero possibili, dall'altro chi la pratica non ha a che fare con sfruttatori e racket, che spesso poi sono collegati a droga e altre attività losche.
In questi giorni a Nyali si è tenuto un convegno, organizzato dall'International Centre for Reproductive Health, alla presenza della coordinatrice americana Joanne Mantel e del responsabile keniano Peter Gichangi.
I relatori hanno denunciato le pessime condizioni di assistenza sanitaria di cui godono "lucciole" e "gigolò".
Secondo le associazioni che si occupano della tutela di questo settore così palesemente presente in Kenya, chi vende il proprio corpo dovrebbe accedere gratuitamente a servizi di controllo periodici ed essere rifornito di preservativi, assorbenti ed altri prodotti di prevenzione di malattie, anche per tutelare i propri clienti, che come detto sono per la maggior parte keniani.
"Da nostre indagini - ha dichiarato Gichangi ai media - manca anche una corretta informazione sull'utilizzo di contraccettivi, lubrificanti ed altro, e anche i proprietari di locali che ammettono e promuovono gli incontri non c'è la necessaria collaborazione".
Tra i luoghi che più risentono di questa mancanza di attenzione ad un aspetto così radicato nel Paese, ci sono Mwtapa (la "sin city" della costa keniana) e Mombasa. Ma il problema è sicuramente da affrontare in tutto il Kenya, un Paese che per molti aspetti sta crescendo e si sta ammodernando, ma che per altri rimane colpevolmente indietro. 

TAGS: prostituzione kenyalocali kenyacontraccezione kenyasesso kenya

Un giro di vite nei locali notturni della costa keniana.
Lo ha deciso nei giorni scorsi il Capo della Polizia della regione costiera Nelson Marwa, che per prima cosa ha ordinato la chiusura di tutti gli...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Non stiamo parlando certo di un best seller internazionale, nonostante l'autore abbia una penna di tutto rispetto, ma di certo è il libro su Malindi che ha venduto di più in Italia. 
Alfredo "Freddie" del Curatolo mette a frutto la...

LEGGI TUTTA LA RECENSIONE

La sensazione è la stessa, forse banale, forse ovvia ma sentirsi a casa nella culla del mondo, probabilmente è normale.
Il richiamo dello spirito, dell'anima per un luogo di percezione ancestrale, ci riporta ad un equilibrio assopito ma mai dimenticato.
Forse siamo...

LEGGI TUTTO

La Malindi al femminile di Sara Cardelli colpisce nel segno e dipinge una realtà molto attuale e sganciata dai soliti luoghi comuni del turismo sessuale ai tropici o dell’avventura esotica.
 

LEGGI TUTTA LA RECENSIONE

Gad Lerner per due giorni in giro per Malindi a caccia di spunti per la sua nuova trasmissione tv.
Il giornalista e conduttore televisivo è venuto in Kenya di persona per un servizio sulle contraddizioni di questo Paese.
Lerner, sta preparando la...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA IL FOTOSERVIZIO

Una delle tante piaghe del Kenya è quella delle continue interruzioni dell’energia elettrica (black-out). 
Le altre, tra le molte, sono la mancanza d’acqua potabile nelle case, che porta i politici, in cerca di voti, a promettere: “Se mi eleggete prometto...

LEGGI TUTTO

Una serata speciale per i giovedì del Papa Remo di Watamu.
Durante il consueto beach party in uno dei locali più affascinanti della costa keniana, sulla plancia come dj ci saranno due ragazze italiane, ben conosciute negli ambienti europei...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Io a lei l’ho capita, Cavaliere.
Anche se non ci siamo parlati, non mi ha chiesto consigli e ha preferito farsi raccomandare da Flavio, so che pure lei dell’Italia ne ha piene le scatole e vuole mettere radici in Kenya.LEGGI TUTTO

E' stato presentato recentemente dal Governo del Kenya in collaborazione con quello della Contea di Kilifi, un importante dossier sulla lotta alla radicalizzazione di matrice islamica dei giovani nella Kilifi County. 
Il piano d'azione che sta procedendo e inizia a...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

Sono due le attività di bar e ristorante già chiuse a tempo indeterminato a Malindi, dopo il primo giorno di operazioni incrociate di controllo da parte di diversi uffici governativi sulla costa keniana.
L'autorità...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Watamu la bella.
Malindi la magica.
Watamu la giovane e frizzante.
Malindi antica ma ancora interessante.
 

LEGGI TUTTO IL RACCONTO

Come ogni primo sabato del mese (ma per questo mese, complice la Pasqua, si fa un'eccezione), torna il tradizionale mercatino dell'artigianato e dei prodotti biologici e naturali al Driftwood Club di Malindi.
 

LEGGI TUTTO

Il Kenya guarda a Cuba per migliorare il suo servizio sanitario.
Durante la recente visita del Capo di Stato keniano Uhuru Kenyatta all'Avana...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Proseguono i giovedì in musica del Baby Marrow che abbinano la bravura, la classe e l'esperienza del Maestro italiano Marco "Sbringo" Bigi, polistrumentista con l'eccellenza sui tasti bianchi e neri, con talenti locali.

LEGGI TUTTO

La Malindi di quarant’anni fa, quella dei “pionieri” della comunità italiana, era tutta un’altra cosa.
I nostri connazionali che decidevano di trasferirsi qui erano stati rapiti da un richiamo molto più forte di quello vacanziero o del binomio “natura-clima” (ma...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Si chiama "Pizza O" la catena di pizzerie e gastronomia italiana più importante del Kenya, ed è italiana.
Già attiva con cinque locali, punti vendita d'asporto e con coperti, la catena di ristoranti e take away è nata sotto l'egida...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO