Storie

PERSONAGGI

Lyduska, la contessa goriziana che sposò il Kenya

Un libro racconta la storia di un'italiana romantica e tenace

12-11-2019 di Freddie del Curatolo

Un libro biografico racconta la vita avventurosa tra Kenya e Italia di Lyduska de Nordis, morta a Nairobi nel 2006 a 85 anni.
“Lyduska, la vita tra due mondi della contessa di Salcano”, scritto dalla giornalista friulana Anna Cecchini ed edito da Mgs Press, viene presentato venerdì 15 novembre a Gorizia.
E’ l’autrice stessa a parlarci di questa straordinaria donna del Novecento, figlia di una nobile goriziana e di un ufficiale boemo, che amò l’Africa e frequentò gli stessi ambienti di Karen Blixen e Lord Erroll e fu amica di Sarah Churchill, figlia dello statista britannico.
“Lyduska Hornik de Nordis è italiana e goriziana – spiega la giornalista e scrittrice - ma trascorre metà della sua vita in Africa, in Kenya, in quel paradiso terrestre che sono gli altopiani alle pendici dell’Aberdare. E’ una donna del Novecento e di questo secolo vive intensamente gli avvenimenti e le contraddizioni. Nasce a Gorizia, nel 1921, nella Gorizia da poco ritornata all’Italia dopo la disfatta dell’Impero austroungarico del 1918.
E’ l’anno della “grande crisi”, l’anno in cui Albert Einstein vince il premio Nobel per la fisica”.
Nello stesso anno Karen Blixen divorzia e rimane da sola ad amministrare la sua splendida tenuta in Kenya. Nulla accade per caso, si direbbe.
Sono tanti gli incroci che legano queste due donne, come ad esempio i numerosi ritorni in Patria senza riuscire a staccarsi dall'amato Continente Nero e il destino tragico dei loro uomini.
“Lyduska sbarca per la prima volta a Mombasa a soli tredici anni – racconta la sua biografa - ce l’hanno portata gli amatissimi zii, Norina de Nordis e Paolo Dolfin Boldù, conoscenti della Blixen e dell’aristocrazia britannica che frequenta il Kenya della “Happy valley”. Hanno acquistato all’asta la tenuta di Slains, già di proprietà di Josslyn Hay, XXII conte di Errol e terzo marito di Idina Sackville, che diventerà la seconda casa di Lyduska. Questo primo viaggio nel 1934 è l’inizio di un amore lungo settant’anni. Lyduska trascorrerà tutta la sua lunga vita divisa tra Gorizia e il Kenya, immersa nella natura grandiosa degli altopiani africani e protagonista delle vicende storiche e politiche della sua terra natale.  Affronterà la rivolta dei Mau Mau e la tragedia della fine della seconda guerra mondiale, quando la sua villa ottocentesca goriziana è contesa fra Italia e Jugoslavia. Metterà in campo tutte le sue capacità per mantenere la proprietà in Italia, e tutte le sue energie per resistere ai difficili accadimenti che precedono la proclamazione d’indipendenza del Kenya nel 1963. Rimarrà sola, dopo aver perduto uno a uno tutti i suoi familiari e la tenuta di Slains, trasferendosi nel verde sobborgo Karen all’indomani della nazionalizzazione delle terre degli altopiani. Perderà anche l’ultimo grande affetto, il marito Nanni Piotto, che muore prematuramente in un incidente automobilistico. Rimarrà da sola, come Karen Blixen, ad amministrare la tenuta keniana e quella di Gorizia”.
Nonostante la vita sia stata generosa con lei, trascorrerà in solitudine l’ultima parte della sua vita, con la consolazione di poche, scelte amicizie, come quella della connazionale Giuliana Mollea Moretti, che come lei ha scelto il Kenya come seconda patria e che vive ancora a Nairobi, dopo essere stata insignita di recente da uno speciale riconoscimento da parte del Presidente Mattarella per i lunghi anni trascorsi a insegnare la lingua italiana in Kenya.
“La storia di Lyduska è la storia di una donna che attraversa una vita intera di grandi gioie e immensi drammi con un sorriso luminoso stampato sul volto – conferma Anna Cecchini, che ha condotto una meticolosa ricerca sulla protagonista del suo romanzo - La sua vicenda è un lungo viaggio nel tempo e nello spazio, che si svolge sempre al centro della scena, trovandola invariabilmente protagonista degli avvenimenti storici del suo tempo e delle alterne vicende personali e familiari. Lyduska si spegne in solitudine nella sua casa di Karen nel 2006. Per sua espressa volontà, le sue ceneri verranno tumulate accanto al nonno materno, Antonio de Nordis, in un minuscolo cimitero alle spalle di Gorizia, in territorio sloveno. La tomba guarda il mare, mentre alle sue spalle corre la catena delle Alpi Giulie, un luogo intenso e spettacolare. Forse è proprio lì che voleva stare, in alto, per guardare tutto con un po’ di distacco, la sua casa affacciata sull’Isonzo, la città e il mare, e laggiù, dall’altra parte del Mediterraneo, l’Africa. Voleva starsene così, affacciata su due mondi, come ha fatto per tutta la sua lunga vita”.
Il volume sarà presentato in anteprima venerdì 15 novembre alle 17.30 nella Sala della Torre della Fondazione Carigo, in Via Carducci a Gorizia.

TAGS: libri kenyalyduska de nordisitaliani in kenya

Una serata all'insegna dell'amicizia e del piacere di stare insieme nell'atmosfera da "trattoria" del People Bar & Restaurant.
Lunedì sera, 13 febbraio, Freddie e Sbringo in versione acustica incontrano l'amico cantautore Andrea Parodi, amico di tanti songwriter americani e italiani,...

LEGGI TUTTO

Metti una sera in Toscana tra un grande musicista figlio d'arte e un raccontatore figlio (adottivo) del Kenya ed esce fuori qualcosa di unico e sottolineato da continui applausi del pubblico presente.
Venerdì sera è andata in scena una serata...

LEGGI TUTTO

A partire dal 25 marzo 2018, i clienti Air France potranno volare verso Nairobi (Kenya) da Parigi-Charles de Gaulle grazie a 3 nuove frequenze settimanali.
I voli saranno operati da...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Sarà proiettato in anteprima a Malindi martedì 7 novembre il documentario del regista Giampaolo Montesanto "Italiani in Kenya".
La proiezione andrà in scena alle...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La sezione keniana del Comitato degli Italiani all'Estero (Co.Mi.Tes Kenya) si apre ancor più ai connazionali e per...

LEGGI L'ARTICOLO

Jambo!
Mi presento: sono il creatore e direttore del portale in cui vi siete imbattuti. 
Per chi non mi conoscesse, questo potrebbe bastare. 
Amo l'Africa, il Kenya e Malindi e a loro devo moltissimo.
Ma mi piace anche osservare le...

E' vero, come scrisse Ryszard Kapuscinski, uno dei più attenti ed evocativi pensatori d'Africa, che la storia, nel Continente Nero, si trasmette per via orale e da leggenda diventa mito, ma la cultura, la prosa e la letteratura hanno bisogno...

LEGGI TUTTO

Dopo il successo della serata al Come Back di Watamu, Freddie e Sbringo venerdì sera saranno al People Kiwi di Malindi, in Lamu Road, per presentare il meglio della loro produzione musicale.
Canzoni che con ironia attraversano il mondo degli...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La leggenda narra che il titolo del film di Zalone “Tolo Tolo” (che ancora erroneamente in Italia danno come...

LEGGI L'ARTICOLO

Anche quest'anno il secondo trimestre delle scuole si avvia al termine.
Il fatto che le scuole in Kenya siano chiuse, invece che tre mesi d'estate come in Europa, un mese ogni tre, ad aprile, agosto e dicembre, è uno dei...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

“Malindi e la costa keniana sono un luogo perfetto per fare cinema e lo abbiamo dimostrato con una ...

LEGGI L'ARTICOLO

Le giovani coppie di Vinci hanno messo in piedi poco più di due anni fa un progetto di rinnovo completo della scuola e dell'asilo di Mkangagani, villaggio dalle parti di Gede.
Iniziando con i banchi (cinquanta costruiti commissionando il lavoro...

LEGGI TUTTO

E' stata finalizzata ieri l'iniziativa sociale, educativa e culturale che permette alla Webb Memorial Library, la...

LEGGI L'ARTICOLO

Una ricerca dell'Università di Zurigo e i successivi esperimenti sul campo in Kenya, hanno rivelato una nuova procedura per riconoscere i sintomi della malaria: attraverso l'odore della pelle e del cuoio capelluto.
Gli studiosi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Ci sono libri interessanti e libri necessari. “Campo 360 Ndarugu” di Aldo Manos appartiene ad entrambe le...

LEGGI L'ARTICOLO

Come ogni primo sabato del mese (ma per questo mese, complice la Pasqua, si fa un'eccezione), torna il tradizionale mercatino dell'artigianato e dei prodotti biologici e naturali al Driftwood Club di Malindi.
 

LEGGI TUTTO