Ultime notizie

NEWS

Un'APP per farsi prescrivere e trovare medicine in Kenya

Con "My Dawa" ordini farmaci, paghi con Mpesa e li ritiri nel negozio più vicino

07-09-2017 di redazione

Una APP sviluppata in Kenya per farsi prescrivere medicinali e trovarli nella farmacia più vicina.
L’intelligente invenzione farmaceutico-telematica si chiama “My Dawa” (dove “dawa” in swahili sta proprio per “medicina”) ed è stata sviluppata dalla ION Equity.
Scaricandola sul telefonino, ogni keniota avrà la possibilità di sapere, a secondo dei suoi sintomi, quale farmaco gli converrà cercare, proprio come se stesse consultando il farmacista dietro il bancone del negozio. Dopodichè, localizzato il cliente, la APP sarà in grado di consigliargli la farmacia più vicina e, se vorrà, di prenotargli il medicinale e pagarlo tramite Mpesa.
Si tratta di una soluzione di e-commerce che annulla le distanze e la difficoltà per i keniani di percorrerle, comoda ad esempio, per avvertire un parente o una persona dello stesso villaggio o paesino di passare dal negozio più vicino a lui a ritirare una medicina, peraltro già pagata.
La stessa cosa può essere fatta, ad esempio, utilizzando un boda boda.
“Dietro a questa App c’è un lavoro enorme – ha spiegato il direttore di My Dawa, Tony Wood – soprattutto per mappare ed inserire negozi e prodotti e fornirli. L’efficienza della catena di fornitori è essenziale per lo sviluppo dell’app. Con My Dawa si potrà entrare, sfogliare i prodotti, selezionarli e controllare, ma si avrà la possibilità di inviare anche la propria richiesta. Il farmacista online la tradurrà in medicina e infilerà nel carrello. Pagando con Mpesa il prodotto sarà a disposizione nel negozio prescelto”.
L’idea è partita dal ricercatore irlandese Neal O’Leary, che due anni fa per primo ha capito che in un Paese come il Kenya, riducendo i trasporti dei medicinali, si potevano diminuire i costi ed evitare che la qualità dei prodotti peggiorasse.  Così le farmacie saranno dotate di medicinali generici, quasi tutti provenienti dall’India. 
A Nairobi “My Dawa” è già attiva il 220 negozi, la App è stata scaricata da 10.000 utenti e il magazzino virtuale ha già 1000 farmaci.
Presto il servizi verrà esteso a tutto il Kenya.
“Abbiamo iniziato con i farmaci comuni, come antibiotici e antidolorifici – spiega Wood - quelli che costituiscono la maggior parte delle prescrizioni generiche. Ma ci stiamo concentrando anche sulle malattie non trasmissibili, come l'ipertensione, il diabete e simili. Stiamo anche lavorando con altri produttori in Europa e in Medio Oriente per fornirci altre gamme di prodotti, come le multi-vitamine soprattutto per bambini, integratori alimentari e prodotti per la cura della pelle”.
L’investimento della ION è molto importante, si parla di 5 milioni di dollari.
 

TAGS: Medicine KenyaFarmaci KenyaApp KenyaSalute Kenya

Per molti di coloro che si apprestano a leggere, le informazioni che daremo sulla malaria saranno cose risapute, ma sono tanti i lettori che si approcciano al nostro portale senza una conoscenza approfondita di uno dei problemi del Kenya che...

LEGGI TUTTO

La cura preventiva per la malaria, per i turisti che frequentano il Kenya, è ormai superata.
Le importanti conquiste scientifiche che il Kenya per primo ha sperimentato, più di dieci anni fa, stanno dando i loro frutti con numeri che...

LEGGI L'INDICAZIONE PER INTERO

Una App stile "Uber" anche per i Tuk Tuk sulla costa keniana.
Taxify, una delle app per il "ride sharing" più utilizzate nel mondo, ha lanciato a Mombasa Taxify Tuk Tuk.
La presentazione...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Sarà celebrata mercoledì 29 marzo alle 16 da Padre Orazio nella cattedrale Saint Anthony di Malindi la messa per dare l'ultimo saluto keniota a Giovanna Soliman, la residente di 47 anni deceduta la scorsa settimana a causa di un mix...

DAL NOSTRO INVIATO A NAIROBI - «Profilassi farmacologica contro la malaria? No grazie.
Oggi la malaria si cura ai primi sintomi. I farmaci che si usano per la prevenzione costano cari e hanno effetti collaterali. Meglio l' artemisimina, un principio...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La sperimentazione in Kenya di una delle più famose medicine contro la scabbia e i vermi, a base di Ivermectina, ha dato un sorprendente risultato: oltre a batteri e parassiti per cui il principio attivo era già conosciuto, l'Ivermectina uccide le...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Calano significativamente in Kenya i pazienti affetti dal virus HIV, secondo i dati trasmessi dal Ministero della Salute.
Importantissime soprattutto le percentuali ufficiali riguardanti la trasmissione "naturale" dell'AIDS tra madre e figlio.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Mary's School, costituita a Piove di Sacco (PD) il 25 settembre 2008, è un'associazione Onlus nata dalla volontà di un gruppo di amici che hanno deciso di vivere la loro esperienza africana da un altro punto di vista, al fine...

LEGGI TUTTO

Sono 157 le aziende produttrici di acqua in bottiglia messe al bando dal Kenya Bureau of Standards (KEBS) perchè prodotte in maniera illegale.
Su oltre...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Ci sono storie del luogo in cui viviamo che ci sentiamo in dovere di raccontare, perché quando alle problematiche dell'essere nati in questo paradiso della natura dalle tante contraddizioni e dall'infinita povertà, si unisce un destino avverso, ecco che non...

LEGGI TUTTO

Saranno almeno 120 mila i bambini kenioti che, a partire dal prossimo ottobre, verranno vaccinati contro la malaria. 
Lo ha annunciato il Ministero della Salute keniano, nel...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Governo del Kenya, attraverso le direttive del Ministero della Salute, ha deciso di bandire l'utilizzo della shisha, ovvero il fumo attraverso il caratteristico narghilè.
La shisha è diventata...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Mpesa e gli altri servizi di pagamento collegati con l'utilizzo della telefonia mobile fanno registrare un vertiginoso aumento nel 2017, rispetto all'anno precedente.
Secondo i dati trasmessi dall'Autorità per le Comunicazioni del Kenya, i soldi inviati via telefonini e quelli...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dadaab, un luogo famoso come Hollywood visitato da dignitari da tutto il mondo.
La regione da asilo ad un milione di rifugiati la gran maggioranza dalla vicina Somalia. 
Daadab, il campo profughi, a circa 100 km dal confine, ha fatto...

LEGGI TUTTO

E’ una spezia originaria del sub-continente indiano, presente sulle coste africane dell’oceano indiano già nel 1300 e portata in Europa dagli inglesi nei secoli scorsi. Il suo nome è turmeric (in sanscrito “terra interessante”), ma è più conosciuta come curcuma.LEGGI TUTTO