L'angolo di Freddie

IRONIA

Il mzungu che parlava con gli ippopotami

"L'ippopotamo Wilma e gli esseri umani" (Prima Puntata)

05-08-2017 di Freddie del Curatolo

Ogni mattina, con una puntualità che è tutto fuorché africana, sulle rive del fiume Sabaki, proprio dove il mare viene ad abbeverarsi d'acqua dolce, un ippopotamo emerge dall'acqua argillosa.
Si tratta sempre dello stesso esemplare, anche se i vecchi del luogo assicurano che abbia almeno tre gemelle. 
E' una femmina adulta e, in quanto tale, solitamente astiosa ed efferata. 
L'ìppopotamo è vegetariano, ma nutre una cattiveria insensata (o forse no) nei confronti del genere umano che lo porta a masticare e sputare immediatamente dopo, disgustato, il poveretto che gli dovesse capitare a tiro. 
Pochi studiosi hanno convinto il mondo con una teoria credibile sull'odio dell'hippo per il genere umano. 
Alcuni sostengono sia per il fatto che non esiste una sana e ancestrale rivalità legata alla natura (non si tratta di due carnivori che possono contendersi le stesse prede o divorarsi a vicenda, all'uomo non piace la carne di ippopotamo né con la sua pelle ne ricava vesti o calzature, all'ippopotamo non piacciono i social network e la cocaina). 
Altri tirano in ballo la loro cocente delusione per essere stati esclusi dall’esclusiva classifica dei “Big 5”.
Una teoria più credibile rivela che potrebbe essere ancora incazzato per l'insulsa pubblicità dei pannolini che per decenni lo ha mostrato alle famiglie come un idiota bonaccione e incontinente.
L'ippopotamo di stanza sotto il ponte del fiume Sabaki, si chiama Wilma. 
A furia di essere cercato ed osservato da decine di turisti italiani, giorno dopo giorno, ha creato una sorta di linguaggio per il quale non è impossibile per un mzungu di Malindi decifrarne i pensieri.
L'ineffabile reporter di malindikenya.net, dopo anni di appostamenti silenziosi, ha fatto suo questo linguaggio di grugniti e mugoloni e finalmente è riuscito a intervistare Wilma. 
Ecco il sunto del primo dialogo assoluto tra un uomo e un ippopotamo.

MK - Buongiorno, Wilma!
W – Buongiorno un cazzo.
MK – Io vengo in pace…
W – Io invece non vengo fino a lì perché mi costa troppa fatica, altrimenti saresti nella merda.
MK – Come mai questo linguaggio sboccato?
W – Ma chi hanno mandato qui oggi, un chierichetto? Beh, comunque la prima cosa che si impara di una lingua straniera sono le parolacce, non è vero, cretino?
MK – Verissimo, signora, molto arguta. Posso esserle utile in qualcosa, Wilma?
W - “Ha mica del sedano? Lo uso indifferentemente come contorno e come stuzzicadenti. Vado pazza per il sedano. Non è che sono integralista, intendiamoci. Ogni tanto mi mangio anche qualche gambero di fiume. Una volta un turista vegano mi ha lanciato del tofu, una vera merda. Ho chiesto a un'aquila pescatrice di cagargli in testa e mi ha lasciato in pace”.
MK – Perché il suo disprezzo per la razza umana?
W - “Si è guardato bene, prima di uscire, stamattina?”
MK – Che c'entra, scusi. Anche lei, rispetto alla grazia dei felini, all'eleganza della giraffa, alla statuarietà dell'elefante...
W - “Appunto, a voi fa schifo l'ippopotamo e a noi l'uomo. 1-1 palla al centro”
MK – Sì, ma a noi non state affatto antipatici, anzi con la vostra mole e i dentoni fate tenerezza!
W - “Invece voi con il vostro opportunismo, la vostra falsità, l’identificare il branco come una cosa negativa, mi fate solo e semplicemente vomitare”
MK – Dai, Wilma, vediamo anche le cose positive. Gli uomini hanno inventato anche tantissime cose belle.
W – Sì, certo! L’inquinamento, la corruzione, la democrazia… 
MK – La vuole mettere in politica?
W - “La voglio mettere che se la prossima volta non ti presenti con il sedano, mentre mi intervisti qui sulla riva del fiume e mi troverai insolitamente gioviale e affabile, ti arriva nel culo un coccodrillo che se va bene ti lascia fuori i coglioni e lo smartphone, degna rappresentazione dell'uomo moderno”
MK - Ci vediamo sabato prossimo con parecchio sedano, Wilma! Arrivederci.
W – “Ciao, imbecille.”
Ogni sabato mattina, alle 10.30, con puntualità disarmante, alla foce di un placido fiume africano che incontra il maestoso tumulto dell'Oceano Indiano, un ippopotamo dalle movenze lente e dallo sguardo penetrante, attende l'uomo per sfidarlo su un campo inusuale: la logica.
Convinto che ultimamente, come avveniva migliaia d'anni fa, ci sia margine di vittoria anche da quel punto di vista.
A sabato prossimo!
 

TAGS: Ippopotamo KenyaSabakimzungu KenyaKenya racconti
  1. Sii come l’ippopotamo
  2. Sii come l’ippopotamo che è felice nel...

Un uomo bianco è stato trovato senza vita ieri pomeriggio sulle rive del fiume Sabaki, a pochi chilometri da Malindi e non lontano dalla foce del corso d'acqua e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Nell’agosto dell’anno scorso due turisti cinesi, sul Lago Naivasha, sono stati aggrediti da un ippopotamo mentre si avvicinavano alla riva del lago per scattare un...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Ci sono ancora tante persone che, pur approcciandosi all’Africa e alla sua natura selvaggia, non sanno che l’animale più pericoloso ed efferato non è il ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Due ippopotami trovati decapitati, un altro nella morsa di una trappola mortale, il classico laccio di acciaio stretto alla gola.
Il segnale inquietante che la caccia...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Appartiene certamente ad un cittadino italiano, il corpo trovato senza vita sulle rive del fiume Sabaki, a pochi chilometri da Malindi.
Si...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un'altra imprudenza fatale in un parco del Kenya, dettata non dall'eccesso di amore per la fauna selvatica o dall'adrenalina dell'avventura, ma dalla moda tristemente nota di farsi i "selfie" con chiunque e qualsiasi cosa come scenografia.
Questa volta è toccato...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un uomo bianco, grosso.
La barba folta e incolta.
I capelli ancora più ignoranti.
 

LEGGI TUTTO IL RACCONTO

A grande richiesta lo spettacolo di musica, racconti ironici, poesie e cabaret di Freddie del Curatolo e Marco "Sbringo" Bigi, replica per due serate speciali a Watamu e Malindi.
Martedì 16 gennaio Freddie e Sbringo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una serata di racconti sul Kenya e sull'etnia Mijikenda questo martedì a Figino Serenza in provincia di Como.
Con ingresso gratuito, nella splendida ed elegante cornice di Villa Ferranti, sede della biblioteca comunale, il direttore di Malindikenya.net presenta "Il Viaggio dei Mijikenda...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Per il quarto giovedì di seguito, tutto esaurito e grande attenzione con applausi convinti al Baby Marrow di Malindi, per la rassegna di racconti, poesie e musica "Io conosco il canto dell'Africa" ideata e condotta da...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un viaggio durato esattamente due mesi, ogni settimana a Malindi.
Una carrellata di racconti, poesie, canzoni, suggestioni nella sala del Baby Marrow Art & Food Gallery di Malindi, tra un piatto della cena e un drink.
Freddie del Curatolo ha...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un altro giovedì all'insegna dello stare insieme con la classe e l'eleganza del musicista Marco "Sbringo" Bigi, che ben s'intona con le opere d'arte di Gian Paolo Tomasi alle pareti del Baby Marrow Art & Food Restaurant di Malindi.
Ogni...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Amava correre, Renato.
Correre, tenersi in forma e godere del clima e della...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una storia appassionante, di tempi che furono e di chi sogna di riviverli, fino a tornare dove i racconti che ha ascoltato nacquero.
E' il Kenya di "Il signore delle pianure", il libro dello scrittore spagnolo Javier Yanes, pubblicato in Italia...

LEGGI TUTTA LA RECENSIONE

La carne degli animali di savana, la cosiddetta "game meat" da sempre costituisce un'attrazione, una leggendaria passione per gli appassionati carnivori che vogliono assaggiare un cibo esotico e allo stesso tempo sentirsi "avventurieri" del gusto. Una tradizione che fino a...

LEGGI TUTTO