Solidarietà

SOLIDARIETA'

Un aiuto per la piccola Pendo di Chakama

Vicini all'operazione che le salverà la vita

02-10-2015 di Chiara Di Gaetano

Ci siamo, siamo quasi arrivati all'operazione chirurgica della piccola Pendo, la bambina che abbiamo trovato a maggio, durante le numerose visite mediche svolte a Chakama dalla dottoressa Lara Baduena.
Pendo è nata ad aprile 2013 ma ha sempre avuto problemi di salute, febbre, tosse e bronchiti costanti, spesso non mangia e la sua crescita è risultata molto indietro rispetto ai bambini della sua età.
Grazie a Lara si è scoperto che il problema di Pendo è una grave cardiopatia, e senza intervento la bambina non può continuare a vivere. Così è iniziato il nostro impegno nel volerla salvare, abbiamo fatto una prima raccolta fondi per portarla a Nairobi per visite ed esami per avere una diagnosi precisa, e nel frattempo in Italia cercavamo disperatamente una soluzione per poterla operare, visto che la cifra chiesta in Kenya era pari a 10.000 euro.
Abbiamo provato tutte le strade, dallo scrivere all'ambasciatore per far venire Pendo e la sua mamma in Italia, al centro cardiologico di Emergency in Sudan, alle autorità kenyane, ma o non c'era posto in lista, o l'iter burocratico era infinitamente lungo ed il risultato finale incerto, o non c'è stata proprio risposta.
Ma Pendo è una meraviglia e si merita di vivere, e come spesso accade, a crederci nelle cose poi si avverano.
Così, grazie a Paolo Pellegrino ed all'associazione "Un cuore è un mondo" di Massa Carrara, abbiamo trovato l'associazione Amici Ndungu Zangu, sono cardiochirurgi che due volte all'anno partono dall'Italia e vanno ad operare bambini con problemi cardiologici a Nairobi, ancora angeli dei bambini.
Pendo è risultata idonea ad entrare in lista per la prossima missione che sarà questo novembre.
Nel frattempo ci è stato chiesto di riportare la bambina a Nairobi, al Kenyatta Hospital presso un loro cardiologo, abbiamo intrapreso un secondo viaggio insieme a Pendo e alla sua famiglia e affrontato di nuovo gli esami. 
Ci è stata prescritta una terapia medica che la bambina doveva assolutamente fare in preparazione dell'intervento, ma la posologia non si trova già pronta, va preparata.
Tornati a Malindi nessuno voleva prendersi la responsabilità di preparare la medicina, abbiamo girato come trottole nel cercare qualcuno che potesse aiutarci mentre dall'Italia arrivava il messaggio: Pendo deve fare la terapia, altrimenti niente intervento, Pendo muore.
Finché finalmente una cardiologa dell'Ubuntu Hospital di Malindi ha iniziato a prepararci la medicina, che basta per un mese, e che ogni mese andiamo a prendere e portiamo a Pendo a Shakaola.
Ora manca un ultimo sforzo prima dell'intervento, Pendo deve fare un cateterismo prima dell'operazione, un altro viaggio a Nairobi, una visita ed un esame che costa 500 euro.
L'intervento al cuore ed il post operatorio sarà invece completamente a carico dell'associazione Amici Nzugu Zangu, due associazioni che lavorano in Africa, e che lavorano per i bambini che uniscono forze e sforzi per salvare una vita.
Per chi segue la storia di Pendo dall'inizio e per chi vuole aiutarla in questo ultimo viaggio a Nairobi prima dell'intervento che può salvarla, può aiutarci con una donazione, come ogni volta, in tanti possiamo farcela. E' possibile donare attraverso bonifico bancario:
Iban: IT02Z010302430100006317811 7 oppure attraverso Paypal dal sito www.africamilele.org. Tutte le donazioni sono detraibili.

TAGS: ChakamaAfrica MileleShakaolaChiara Di Gaetano

Sono stati rilasciati e già in viaggio per Malindi i due ragazzi italiani fermati ieri dalla polizia del villaggio di Ngao, nella regione keniana del Tana River, dove a loro...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Galeotto fu il volontariato a Chakama, con la Onlus Africa Milele. 
Per Antonio Di Guida, fiorentino di 24 anni, laureato in design industriale e appassionato di cucina e fotografia e viaggi, il primo viaggio in Africa nel 2013 ,significava soprattutto...

LEGGI TUTTO

Erano le sette di sera nel tranquillo villaggio di Chakama, poco più di ottanta di chilometri a nord di Malindi, nel mezzo della verde vallata del fiume Galana.
In questa...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La polizia di Ngao, villaggio nella regione del Tana River, dove da quasi due mesi si concentrano le ricerche di Silvia Romano, ha trattenuto in stato di fermo un volontario italiano, che collabora anche con la onlus Africa Milele per cui...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una ragazza italiana di 23 anni è scomparsa ieri sera, forse a causa di un rapimento successivo ad una rapina a mano armata nell'entroterra di Malindi, nel villaggio di Chakama.
Secondo i...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Si è aperto ieri mattina in maniera inaspettata il processo ai due cittadini keniani accusati di ...

LEGGI L'ARTICOLO

Diciotto ore dopo il rapimento della volontaria italiana Silvia Romano, ventitreenne milanese che prestava la sua opera sociale per la Onlus Africa Milele nel villaggio di Chakama, a più di sessanta chilometri dalla costa keniana, nella valle del fiume Galana...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Da troppi giorni non si hanno più novità riguardo alle ricerche di Silvia Romano, la volontaria ventitreenne dal 20 novembre scorso in mano ai suoi rapitori, che l'hanno...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Esce in questi giorni in Italia il nuovo romanzo dello scrittore e direttore di Malindikenya.net Freddie del Curatolo.
La notizia, se vogliamo, è che questa volta non si parla di Kenya e di Malindi.
Si tratta infatti di una storia...

LEGGI TUTTO

Un progetto che abbina aiuti al femminile con la tutela dell'ambiente nell'entroterra di Kilifi e di Malindi.
L'associazione italiana Africa Milele, che può contare su un numero crescente di appassionati volontari e opera principalmente a Chakama, sulla strada per il...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Più di quattro giorni di silenzio, di attesa, di ricerche e operazioni coordinate del Governo italiano con le forze speciali del Kenya, di arresti e mandati di cattura da parte della polizia della costa.
Questo il...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Avrebbero portato via Silvia Romano solo per proteggersi durante la fuga, sapendo che dopo gli spari al negozietto nella piazza del villaggio di Chakama, sarebbe presto arrivata la polizia da Langobaya.
Forse se...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Difficile in Africa assistere a lavori spediti.
Nel mondo del "pole pole" solitamente i tempi previsti non vengono mai rispettati.
Non è detto...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Di solito sono ragazzi poco oltre la ventina, freschi freschi di laurea; solitamente una laurea umanistica come Psicologia.
Arrivano da famiglie benestanti, non hanno mai avuto difficoltà a mettere insieme il pranzo con la cena.
A volte sono idealisti, con...

LEGGI TUTTO

La strada che da Malindi porta al Parco Nazionale dello Tsavo Est, meglio conosciuta come...

LEGGI L'ARTICOLO

Da una parte, l’Africa vergine e meravigliosa che ha incantato viaggiatori, romanzieri, fotografi e raccontatori di tutto il mondo. 
Gente ospitale e sorridente, bambini festanti, mame dell’aria austera con il cuore grande come il loro petto, mascherato sotto vesti colorate...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO