archivio 09/2014

PAROLE D'AFRICA

Ryszard Kapuscinski da "Ebano"

"A parte la sua denominazione geografica, l'Africa non esiste"

29-09-2014 di redazione

L’Africa è un continente troppo grande per poterlo descrivere. 
E’ un vero e proprio oceano, un pianeta a parte, un cosmo eterogeneo e ricchissimo. 
E’ solo per semplificare, per pura comodità che lo chiamiamo Africa. 
In realtà, a parte la sua denominazione geografica, l’Africa non esiste. 

LIBRI

Ecco La schedina di Gaetano, il nuovo romanzo di Freddie del Curatolo

UNA STORIA AVVINCENTE IN CUI QUESTA VOLTA NON SI PARLA DI KENYA

29-09-2014 di redazione

Esce in questi giorni in Italia il nuovo romanzo dello scrittore e direttore di Malindikenya.net Freddie del Curatolo.
La notizia, se vogliamo, è che questa volta non si parla di Kenya e di Malindi.
Si tratta infatti di una storia che riguarda l'Italia degli anni Settanta ed Ottanta, e una vicenda surreale legata alla storia di un campione di calcio, il grande ed indimenticato Gaetano Scirea, morto 25 anni fa in un incidente stradale dopo una carriera esemplare.

LEGGI TUTTO

PERSONAGGI

Armando Cerato, a Malindi con positività

33 ANNI TRA SAVOIR FAIRE, INVESTIMENTI E COERENZA

17-09-2014 di redazione

Più di trent'anni a Malindi con la stessa compagna, con lo stesso socio in affari, con inalterato amore per il Kenya, il suo clima e la sua natura. 
La storia di Armando Cerato, cuneese arrivato per la prima volta a Malindi nel 1982 e folgorato dal "mal d'Africa", è di quelle che meglio illustrano l'ambizione, la voglia d'avventura e le capacità di tanti italiani in Africa. Da una semplice vacanza, decidendo di esportare in Kenya il suo mestiere, quello di costruttore, Cerato ha costruito hotel, centri commerciali e residenziali. 
E' stato tra i primi a scommettere su Mambrui, ha creato un centro ippico e tante altre cose ancora.

LEGGI TUTTO

LETTURE

Il Kenya da leggere

I libri che raccontano questo meraviglioso e controverso Paese, la sua gente e le avventure di chi c'è stato

15-09-2014 di Freddie del Curatolo

Quella che riguarda l'Africa, e in particolare il Kenya, non è una bibliografia facile.
Oltre a fregiarsi di innumerevoli titoli, come è normale per un argomento così vasto i cui primi scritti (diari di viaggio e di commercio) si perdono nell'anno Mille, ci si perde tra trattati di antropologia, tomi di sociopolitica e di argomenti legati alle problematiche del terzo mondo.
Noi qui abbiamo voluto invece privilegiare il romanzo o comunque quelle pagine che riportano allo stesso tempo all'essenza primordiale di questa terra, al suo respiro di libertà, e a tutte le avventure, umane animali e della Natura, che ne possono scaturire.
Storie vere, drammatiche, epiche o curiose, o anche racconti di fantasia dove però è reale quel che si percepisce dalla scenografia in cui ci si muove.
L'Africa è una fonte di ispirazione incredibile per chi ama intingere la penna nel calamaio del proprio cuore o battere le dita sui tasti più sensibili del proprio cervello, anche se spesso è davvero arduo imprimere certe sensazioni e tanta vita in un libro.
La grandezza di molti autori è quella di esserci riusciti, il coraggio di tanti altri è averci provato.
Quando l'Africa chiama, l'anima non può evitare di rispondere.

LUTTO

Addio ad Andrea Cozzi e alla sua voglia di vivere

L'architetto bergamasco, grande amico di Malindi, se n'è andato

11-09-2014 di Freddie del Curatolo

Martedì mattina è mancato Andrea Cozzi, uno dei più simpatici e brillanti amici di Malindi.
Architetto bergamasco dalla battuta sempre pronta e dalla filosofia spicciola quotidiana. Aveva 60 anni.
La redazione di Malindikenya.net abbraccia forte Claudia e anche Dario e Valentina, che per lui erano già come figli.
Il ricordo di Freddie. 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

PERSONAGGI

I fantastici 65 anni d’Africa di Angelo Esposito

92 anni, la grande storia infinita di un italiano in Kenya

03-09-2014 di Freddie del Curatolo

E' un romanzo, la vita di Angelo Esposito, 92 anni e da 65 in Kenya.
Fondatore dell'Alfa Romeo club keniota, rallista provetto e conclamato elettricista fin dal giorno del suo sbarco a Nairobi.
Lo abbiamo incontrato nella villa che si è costruito da sé appena fuori dalla capitale.
Ci ha subito colpito la lucidità, l'energia che sembra portata dai tanti fili e cavi che ha maneggiato nella sua lunga vita. Originario di Carvico, a due passi dalla casa di Papa Giovanni XXIII in provincia di Bergamo, Angelo impara il mestiere da "fiulet" a Milano.
Poi la seconda guerra mondiale lo porta in Corsica e in Sardegna con la Folgore, poi a Firenze e sui monti del Trentino.

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

MALARIA

Perchè la profilassi antimalarica diventa inutile

quando lo capiranno anche in Italia?

01-09-2014 di malindikenya.net

La cura preventiva per la malaria, per i turisti che frequentano il Kenya, è ormai superata.
Le importanti conquiste scientifiche che il Kenya per primo ha sperimentato, più di dieci anni fa, stanno dando i loro frutti con numeri che premiano la costanza della sanità nazionale e la spinta decisiva dei ricercatori e di luminari come l'italiano Mauro Saio, da più di vent'anni impegnato su questo fronte.
"Ormai non soltanto è più dannosa, ma anche meno sicura delle nuove medicine che si prendono solo nel caso la malaria sopraggiunga - spiega Saio - il combination treatment, in dotazione presso tutte le farmacie keniote, è sicuro e per chi non vive vicino a una struttura sanitaria che possa verificare l'esistenza della malaria, è possibile anche dotarsi di un test per controllarla da sè.

LEGGI L'INDICAZIONE PER INTERO

ARCHIVIO

Settembre 2014

Tutte le notizie del mese

01-09-2014 di redazione


Lettera aperta del Ministero del Turismo keniota ai cialtroni dei media italiani per la questione ebola
Anche il Governo di Nairobi si trova a dover "richiamare" la cialtroneria dei media italiani che danneggia il turismo in questo paese.
Noi di Malindikenya.net riceviamo e volentieri pubblichiamo sul portale un intervento del Ministero del Turismo che ribadisce ancora una volta la sicurezza del Paese contro l'epidemia di Ebola che avanza invece in altri territori africani.
"Ebola è un virus che si è sviluppato nell’Africa Occidentale, precisamente in Sierra Leone, Nigeria, Guinea, più lontano da Nairobi di quanto lo sia l’Italia dalla Norvegia - sottolinea l'Ente nel comunicato che riportiamo integralmente -. Per viaggiare dalle aeree infette al Kenya via terra bisognerebbe guidare per due settimane. Il governo del Kenya ha posto in essere strette misure di sicurezza per prevenire altri possibili ingressi di persone infette, sospendendo tutti i voli dall’Africa occidentale. Si è parlato di un’italiana “proveniente dal Kenya” ricoverata per un sospetto contagio. In realtà si trattava di una cooperante italiana – il cui contagio è stato fortunatamente escluso dopo le analisi ad Istanbul – partita da Kanu, nel Nord della Nigeria: una notizia riportata purtroppo in maniera errata da agenzie e media di tutta Italia.
È possibile in piena consapevolezza assicurare che non c’è infezione Ebola in Kenya, invitando tutti a partire con assoluta tranquillità per le destinazioni di mare e non del Paese. La consapevolezza è necessaria, il panico controproducente: falsi allarmi da parte dei media mancano dell’obiettività che permette di comprendere i comportamenti a rischio, generano insicurezza e inducono il pubblico in errore. Ancora una volta, ricordiamo che non esiste un contagio Ebola in Kenya".(01/09/2014)

LEGGI TUTTO L'ARCHIVIO MENSILE